domenica 31 dicembre 2017

Il Colore Della Neve - Recensione

Il colore della neve Jodi Picoult

Sinossi

"Trixie Stone ha quattordici anni, è una brava studentessa, ha molti amici ed è adorata dai genitori. Un'adolescenza "normalmente perfetta" fino a quando un atto di violenza carnale la precipita in un incubo. Per Daniel Stone, apprezzato disegnatore di fumetti, è come ripiombare in un passato cupo e dimenticato. Uomo mite, padre e marito modello, Daniel un tempo era diverso: cresciuto in un villaggio dell'Alaska e mai accettato per il colore della sua pelle, era diventato un ragazzo violento e pericoloso. E ora, la rabbia e le pulsioni sopite che era riuscito a incanalare nei suoi disegni riesplodono di fronte al dolore della figlia. Daniel rischia di precipitare di nuovo nel tunnel, dal quale però dovrà risalire se vuole salvare se stesso e la sua famiglia. Ma fino a che punto ci si può spingere per proteggere le persone che amiamo? Un romanzo toccante che ritrae il dramma di un padre che la figlia credeva un eroe capace di proteggerla da tutto e da tutti e che invece deve riconoscere tutta la sua impotenza..."

Titolo: Il Colore Della Neve
Autore: Jodi Picoult
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 406
Editore: TEA (12 Giugno 2008)
Collana: Teadue
Prezzo: 9 Euro
Tempo Di Lettura: 6 giorni
quattro stelle e mezza




________________________________

Questo è il primo libro che leggo di Jodi Picoult, e prima di questa lettura, se qualcuno mi avesse chiesto che genere di libri scrivesse questa autrice, io avrei risposto senza alcun dubbio "romanzi rosa". Ecco, mai risposta potrebbe essere meno appropriata. Lo so, un libro solo non determina le caratteristiche di uno scrittore, ma nella mia curiosità, mi sono andata a sbirciare le trame degli altri libri di questa autrice, ed ho scoperto un mondo incredibile. Un mondo di romanzi che vorrei assolutamente leggere, che raccontano storie di vite tutte diverse tra di loro, drammatiche, autentiche, strane, impossibili, misteriose... insomma, qualcosa di intrigante e che fa l'occhiolino alla narrativa contemporanea che affascina a me. Ho detto tutto e non ho detto niente.
Ma lasciate che vi parli di questo "Il Colore Della Neve", che ho letto insieme al Rainbow Book Club, come lettura di gruppo per il mese di Dicembre.

Se sbirciata dalle finestre della sua casa, la famiglia Stone, sembra una famiglia felice e senza particolari problemi, ma scostando bene le tendine dalle loro finestre, ed intrufolandosi nelle loro vicende famigliari, allora tutto quello che ci appariva prima, viene completamente distorto da una realtà completamente diversa. Una realtà che, andando avanti, non fa altro che aggrovigliarsi in una matassa di nodi, che cercheremo di snidare e sciogliere per arrivare alla fine del libro.

Siamo nel Maine, la famiglia di cui vi sto parlando è la famiglia Stone: Daniel, Laura e loro figlia Trixie.
Laura è una professoressa universitaria, che passa più tempo nelle aule del campus e con i suoi allievi che con la sua famiglia, Daniel è un talentuoso disegnatore di fumetti, ha la fortuna di poter lavorare da casa, e da sempre è lui che si occupa della figlia Trixie e dei lavori casalinghi. Poi c'è Trixie, un'adolescente che si sente fortemente trascurata, e cerca di zittire il suo male di vivere con un dolore più forte, tagliandosi le braccia di nascosto. Questo forse l'appaga, questo forse lo fa per farsi notare, questo forse lo fa per non pensare.

Trixie fa molte cose di nascosto: fuma erba, beve, va a delle feste insieme alla sua amica Zephyr, ma una sera tutto cambia, e dopo una di queste feste, torna a casa sotto shock dichiarando di essere stata vittima di stupro. Da questo momento in poi il mondo sembra muoversi al contrario per lei, sembra che tutte le sue dichiarazioni su quella maledetta sera non risultino poi così credibili. 

Il mondo si ribalta anche per Daniel e Laura, che vedono sollevarsi il velo di nebbia che stava ristagnando nelle loro vite, allontanandoli dalla propria famiglia e dai propri doveri di coniugi e di genitori. Provano vergogna, provano sensi di colpa, provano a capire se la loro Trixie stia mentendo per ricevere solo un po' di attenzione o stia dicendo la verità.

Inizierà una guerra di avvocati, di accuse, di bugie, di verità. Saranno Trixie e la famiglia Stone VS Jason (il presunto stupratore) e il resto del mondo. Per amore è proprio vero che si può fare di tutto, e per amore dei propri figli, si può andare anche oltre l'impossibile. Daniel sarà disposto a disseppellire una parte della sua vita che aveva sepolto per sempre, tornerà in quei posti che lo avevano fatto soffrire e in cui aveva giurato a se stesso, non sarebbe mai più tornato, ma per capire e salvare Trixie, sarebbe disposto a fare qualsiasi cosa.
Laura per salvare Trixie sarebbe disposta anche a mentire, ad omettere, a tacere chissà che cosa poi. Per amore, per amore di un figlio, che cosa non si sarebbe disposti a fare... o che cosa si dovrebbe essere disposti a fare?

Una lettura che mi ha stupita, una storia che mi ha ingannata più volte, ho creduto di essere arrivata sin da subito ad una soluzione, per scoprire poi di aver intuito male e divorarsi il capitolo successivo per cercare di avere un'altra intuizione. Un libro che tiene compagnia, mentre fuori fa freddo  e si legge accoccolati in una caldissima coperta, e ci racconta di inverni freddi e di inverni polari.

Un libro in cui si racconta di vite che potrebbero essere di chiunque, di drammi che potrebbero leggersi negli occhi di qualsiasi persona: l'abbandono, il tradimento, la sofferenza di vivere, la fatica a farsi accettare, la solitudine, la capacità di reinventarsi, la speranza, l'amore.

xoxo Connor


Acquista il libro su Amazon!

       

E-book                Cartaceo

Disclaimer/Disclosure: Questo articolo è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale.

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari